Domande frequenti

Intestazione domande frequenti

Domande frequenti

Navigazione Categorie

Scegli una categoria:

Tutte le faq

Aggregatore Risorse

Dal 23 maggio è già possibile visualizzare e stampare la propria dichiarazione nell'area riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate. Dal 31 maggio è possibile modificare e integrare il modello Redditi, che può essere inviato dal 31 maggio al 30 novembre.


Questo contenuto ti è stato utile ?

Dal 31 maggio al 30 settembre è possibile accettare o modificare il 730 precompilato e presentarlo via web all'Agenzia delle Entrate. Dal 23 maggio è già possibile visualizzare e stampare il proprio 730 nell'area autenticata del sito dell'Agenzia delle Entrate.


Questo contenuto ti è stato utile ?

Chi presenta il 730 precompilato - direttamente o tramite il sostituto d'imposta - senza modifiche o con modifiche che non incidono sulla determinazione del reddito o dell'imposta, non sarà sottoposto a controllo formale sui documenti relativi agli oneri indicati nella dichiarazione, forniti all'Agenzia delle Entrate dai soggetti terzi.

Se, invece, il contribuente modifica il 730 precompilato - direttamente o tramite il sostituto d’imposta - il controllo formale:

  • non sarà effettuato con riferimento ai dati relativi agli oneri, forniti da soggetti terzi, indicati nella dichiarazione precompilata, che non risultano modificati;
  • è effettuabile per gli oneri forniti dai soggetti terzi che risultano modificati rispetto alla dichiarazione precompilata, limitatamente ai documenti che hanno determinato la modifica.

Ricordiamo che in ogni caso, il controllo formale può riguardare, invece, i dati comunicati dai sostituti d’imposta mediante la Certificazione Unica (CU) e resta sempre fermo il controllo della sussistenza dei requisiti soggettivi che consentono l’utilizzo di una detrazione, deduzione o agevolazione.


Questo contenuto ti è stato utile ?
  • Possibile motivazione: risultano due o più comunicazioni relative allo stesso contratto di assicurazione.
    Cosa fare: controllare la documentazione, verificare l'importo detraibile ed eventualmente contattare l'Assicurazione; inserire l'importo corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: risulta un controllo preventivo sul rimborso emergente dal 730/2021 che ha determinato il totale o parziale disconoscimento dell’onere, relativo a un premio assicurativo, indicato nella dichiarazione del 2021 (redditi 2020).
  • Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: questo onere non risulta indicato nella dichiarazione del 2021 (redditi 2020).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: risulta comunicato da parte dell’Assicurazione il versamento del premio superiore a 8.000 euro.
    Cosa fare: verificare la correttezza del dato trasmesso e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Questo contenuto ti è stato utile ?
  • Possibile motivazione: risultano due o più comunicazioni relative allo stesso contratto di assicurazione.
    Cosa fare: controllare la documentazione, verificare l'importo detraibile ed eventualmente contattare l'Assicurazione; inserire l'importo corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: rispetto a questa voce risulta un controllo documentale sulla dichiarazione del 2019 (redditi 2018).
  • Possibile motivazione: risulta un controllo preventivo sul rimborso emergente dal 730/2021 che ha determinato il totale o parziale disconoscimento dell’onere, relativo a un premio assicurativo, indicato nella dichiarazione del 2021 (redditi 2020).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: questo onere non risulta indicato nella dichiarazione del 2021 (redditi 2020).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: l'Assicurazione ha comunicato l'esistenza di una cessione del contratto durante il periodo d'imposta 2021.
    Cosa fare: verificare la presenza della cessione del contratto e tener conto dell'intero ammontare del premio per applicare i limiti di detraibilità previsti dalla legge e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: risulta comunicato da parte dell’Assicurazione il versamento del premio superiore a 8.000 euro.
    Cosa fare: verificare la correttezza del dato trasmesso e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi

Questo contenuto ti è stato utile ?

Il creditore pignoratizio è tenuto a indicare in dichiarazione i redditi percepiti e le ritenute subite da parte del terzo erogatore anche se si tratta di redditi soggetti a tassazione separata, a ritenuta a titolo di imposta o a imposta sostitutiva.
Pertanto le somme così percepite vanno indicate in dichiarazione nel relativo quadro di riferimento (ad es. se si tratta di redditi di lavoro dipendente questi vanno riportati nel quadro C), mentre le ritenute subite devono essere indicate esclusivamente nel rigo F 13 (pignoramento presso terzi) del Quadro F (anziché nel quadro di riferimento del reddito) insieme alla tipologia del reddito percepito tramite pignoramento presso terzi (ad eccezione della tipologia di reddito indicata con il codice 2 “reddito da fabbricati” per il quale la ritenuta può essere assente).
Poichè dalla CU – lavoro autonomo non si evince la tipologia di reddito a cui si riferisce l’erogazione della somma, i relativi dati contenuti CU di lavoro autonomo sono riportati nel solo foglio informativo allegato alla dichiarazione.
Quindi verifica la correttezza dei dati esposti e procedi alla compilazione della tua dichiarazione.


Questo contenuto ti è stato utile ?

Puoi consultare i dati della Certificazione Unica nell’area riservata dell’Agenzia delle entrate.
E’ disponibile nel tuo cassetto fiscale raggiungibile seguendo questo percorso: Consultazioni > Cassetto fiscale > Cassetto fiscale personale > Dichiarazioni fiscali > Certificazione Unica.
Per accedere nell’area riservata devi essere in possesso delle credenziali (SPID, CNS o CIE e, per i soggetti titolati ad averle, con le credenziali rilasciate dall’Agenzia (Entratel/fisconline).


Questo contenuto ti è stato utile ?

Possibile motivazione: risultano due o più comunicazioni relative allo stesso contratto di mutuo.
Cosa fare: controllare la documentazione, verificare l'importo detraibile ed eventualmente contattare la Banca; inserire l'importo corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Possibile motivazione: rispetto a questo onere risulta un controllo documentale sulla dichiarazione del 2019 (redditi 2018).
Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Possibile motivazione: questo onere non risulta indicato nella dichiarazione relativa all’anno precedente.
Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Possibile motivazione: l'interesse indicato nella dichiarazione relativa all’anno precedente risulta di importo inferiore rispetto a quello comunicato dalla Banca quest'anno e ricondotto ai limiti.
Cosa fare: controllare la documentazione ed eventualmente contattare la Banca per verificare l'importo detraibile, quindi inserire quello corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Possibile motivazione: nella dichiarazione relativa all’anno precedente non è presente alcun immobile adibito ad abitazione principale.
Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Possibile motivazione: risulta che sono stati stipulati contemporaneamente due mutui: uno per acquistare l'abitazione principale e l'altro per costruirla e/o ristrutturarla.
Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Possibile motivazione: risulta un controllo preventivo sul rimborso emergente dalla dichiarazione del 2021 (redditi 2020).
Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel Quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Possibile motivazione: presenza di surroga nel contratto di mutuo e stipula del nuovo mutuo tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2021.
Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, dopo aver ricondotto nei limiti di detraibilità la spesa, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Possibile motivazione: presenza di accollo nel contratto di mutuo e, quindi, stesso identificativo mutuo e intestatari diversi.
Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, dopo aver ricondotto nei limiti di detraibilità la spesa, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Possibile motivazione: il contratto di mutuo è stato rinegoziato nel corso dell’anno 2021.
Cosa fare: controllare la documentazione in possesso per determinare l'importo detraibile, quindi inserire quello corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.


Questo contenuto ti è stato utile ?

Le modifiche introdotte dalla legge di Bilancio 2021 (L. n. 178/2020), prevedono, all’art. 1 comma 595, che a partire dall’anno d’imposta 2021, il regime fiscale delle locazioni brevi sia riconosciuto solo in caso di destinazione alla locazione breve di non più di quattro appartamenti per ciascun periodo d’imposta.

Negli altri casi l’attività di locazione breve, da chiunque esercitata, si presume svolta in forma imprenditoriale. Queste disposizioni si applicano anche per i contratti stipulati tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, ovvero tramite soggetti che gestiscono portali telematici.

Quindi, se hai destinato a locazione breve, nel corso del 2021, più di 4 appartamenti non potrai dichiarare il relativo reddito utilizzando il modello 730 ma dovrai utilizzare il modello Redditi PF.


Questo contenuto ti è stato utile ?

Nella dichiarazione precompilata tenuto conto che l'opzione per la cedolare secca è nella maggior parte dei casi la più vantaggiosa per il contribuente, si è ritenuto opportuno precompilare assoggettando i corrispettivi comunicati tramite CU alla tassazione sostitutiva. Sarà cura del contribuente, in sede di dichiarazione dei redditi, modificare la dichiarazione precompilata optando per la tassazione ordinaria, qualora la ritenga più conveniente. Di ciò è data informazione al contribuente tramite apposito avviso nel foglio informativo e nell'applicazione web. Si evidenzia tuttavia, che il regime fiscale delle locazioni brevi è riconosciuto, dal 2021, solo in caso di destinazione alla locazione breve di non più di quattro appartamenti per ciascun periodo d’imposta. Negli altri casi l’attività di locazione breve, da chiunque esercitata, si presume svolta in forma imprenditoriale

 


Questo contenuto ti è stato utile ?
Mostrati 1 - 10 su 146 risultati.